You are currently viewing Accoglienza e ruralità, lusso e riscoperta della campagna toscana con Daniele Nannetti – prima parte
  • Categoria dell'articolo:News

Nelle nostre miniserie abbiamo parlato di turismo esperienziale, dell’importanza della riqualificazione e della valorizzazione di un territorio.

Oggi abbiamo il piacere di intervistare Daniele Nannetti, Ceo di Villa Petriolo, che con il suo progetto ha saputo coniugare accoglienza e ruralità, lusso senza fronzoli e insieme riscoperta della campagna toscana, il tutto condito dall’utilizzo di energie alternative.

Scopriamo insieme al nostro ospite i temi del food, del benessere, del rispetto ambientale e dell’identità del territorio.

Daniele tu racconti Villa Petriolo come fosse un atto d’amore, perché? Nei riguardi di chi o cosa?

Si è un atto d’amore nei confronti della mia terra, la Toscana: che è famosa nel mondo per essere la culla del rinascimento. Ma il Rinascimento è nato grazie a quel surplus di risorse che la terra ha regalato ad uomini illuminati che poi hanno destinato lo stesso surplus  per costruire Palazzi, Chiese e opere d’arte. Abbiamo bisogno di un rinascimento contemporaneo che ci aiuti a restaurare quel rapporto sinergico fra uomo e natura.

Pensare oggi alla sostenibilità di una location destinata all’accoglienza va molto al di là della semplice strategia di green marketing. Quanti elementi partecipano al raggiungimento di obiettivi di tutela ambientale e inclusività sociale?

Bisogna partire da lontano con una pianificazione logistica e strutturale che ti permetta di coniugare una gestione ecosostenibile con il profitto economico. Una win-win situation che affianchi ad una gestione di tutela ambientale un ritorno finanziario sostenibile che permetta di investire anche nelle risorse umane a km 0, quei giovani che vivono nel territorio dove siamo ubicati e che hanno voglia e capacità per essere quel valore aggiunto ad un’operazione del genere.

E’ vero che il progetto d’accoglienza è stato dimensionato sul bilancio ambientale della tenuta?

Si. Non possiamo parlare di ecosostenibilità se non fossimo i primi a dimensionare i servizi che offriamo secondo delle rigide regole date dal calcolo della carbon footprint e della water footprint, certificazioni che stiamo prendendo grazie alla progettazione dell’intervento secondo la nostra filosofia originale. 

Questa progettazione ci ha portato inesorabilmente al raggiungimento anche della nuova ISO21401: il turismo sostenibile nelle strutture ricettive.

Il nostro paese è un trionfo di patrimoni storici, molto spesso vincolati, pertanto difficili da recuperare architettonicamente e quasi impossibile trasformare in luoghi sostenibili. Villa Petriolo ha superato anche questi limiti.

È vero, ma non è stato facile. Il MIBACT con la Soprintendenza delle belle arti di Firenze ha apposto il vincolo monumentale e paesaggistico sopra la struttura del borgo dove Villa Petriolo è ubicata con la denominazione di Sistema Villa-Fattoria tardo cinquecentesca. Fortunatamente abbiamo avuto un funzionario della Soprintendenza illuminato che ci ha permesso di intervenire a livello strutturale nel miglioramento energetico dei fabbricati nel pieno rispetto del valore storico e architettonico degli stessi. 

Un altro elemento di difficile equilibrio è quello di pensare al lusso e alla sostenibilità come due momenti antagonisti. È cosi? Si può soggiornare nel comfort e rispettare l’ambiente?

Assolutamente si. Faccio l’esempio della doccia. Noi tutti siamo abituati a far scorrere l’acqua anche decine e decine di secondi fino a non trovare la temperatura giusta. Immagina quanta acqua sprechiamo così facendo; a Villa Petriolo abbiamo realizzato un sistema di acqua calda sanitaria centralizzata riscaldata attraverso pannelli termici solari che permette di settare previamente una temperatura stabilita e l’acqua richiesta viene erogata alla temperatura desiderata immediatamente. Questo è comfort allo stato puro, a costo energetico bassissimo.

In realtà noi poi abbiamo voluto chiudere il cerchio ( economia circolare chi? ) installando un depuratore che riceve tutte le acqua della tenuta e le rilancia nel nostro lago che si converte quindi anche in una fonte di acqua rinnovabile a servizio della produzione agricola.

Siamo giunti alla conclusione della nostra chiacchierata, ma non temete ci sarà una seconda parte. Noi siamo curiosi e voi?

Potrebbe interessarti...

Spesso durante le consulenze l’albergatore di turno ci rivolge alcune domande ricorrenti, le prime che vengono formulate sono quelle introduttive,…
Nei precedenti articoli abbiamo compreso quanto operare un buon controllo di gestione sia importante per definire le azioni strategiche da…